Alla scoperta di BERNARD WERBER: “Formiche” (Les Fourmis, 1991) e “Il viaggiatore delle stelle” (Le papillon des étoiles, 2006)

Seguire la fantascienza da decenni e trovare che nella libreria di un aeroporto europeo un intero scaffale di tascabili, sui tre disponibili, è occupato da un autore che non si è mai sentito nominare, è un’esperienza un po’ straniante: non potevo fare a meno di approfondire.. sulle prime ho pensato addirittura che questo autore non fosse stato tradotto in Italia; … Continue reading

Recensione: I POSSESSORI (The Possessors, 1964) di John Christopher

Sfuggiti a una catastrofe cosmica i Possessori vagavano negli spazi siderali. Le spore erano state lanciate in tempo con la speranza che potessero ricreare su qualche pianeta remoto quelle creature quasi onnipotenti del cui seme erano portatrici. Le spore viaggiano.. e periscono.. nel gelo incommensurabile dei giganteschi pianeti esterni.. ma alcune sopravvivono. Riposano tra i ghiacciai in attesa della vita.. … Continue reading

I Classici della SF: VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA (Voyage au centre de la Terre, 1864) di Jules Verne

Come ho potuto parlare di “fantascienza sotterranea” senza citare il vero iniziatore? Ho scoperto un romanzo godibilissimo anche per una persona della mia età ed epoca. Un romanzo ricco di suggestioni: dal misterioso manoscritto iniziale, da decifrare un po’ come nello “Scarabeo d’oro” di Poe; al lungo trekking attraverso i paesaggi di un’Islanda desolata; fino all’avventura sotterranea vera e propria. … Continue reading

Recensione: “Dove stiamo volando” (1972) di Vittorio Curtoni

Dopo la guerra atomica i mutanti nati dalle radiazioni vengono chiusi in ghetti appositamente costruiti, per non contaminare l’orgogliosa società dei normali. Charles, il protagonista narratore dell’opera, si trova costretto ad abbandonare la propria casa, affrontando un problematico viaggio verso il ghetto di Nuova Parigi. La sua disperata ansia di trovare una risposta esistenziale si trasforma in una successione d’incontri, … Continue reading

Recensione: Asimov’s Magazine (settembre – ottobre 2017)

Contenuti: Winds will rove, by Sarah Pinskler. Riding the blue line with Jack Kerouac, by Sandra McDonald. Universe box, di Michael Swanwick. Dead men in Central City, by Carrie Vaughn. Arriving at Terminal: Xi’s story, by James Gunn. The Ganymede’s Gambit: Jan’s story, by James Gunn. Zigeuner, by Harry Turtledove. The fourth hill, di Dennis E. Staples. The cabinet, by … Continue reading

Recensione: “L’orrenda tana” (Lair, 1979) di James Herbert

James Herbert, il noto specialista di Ratti oltre che padre di una micidiale Nebbia (Urania 702) e di un mostruoso Superstite (Urania 724), ritorna in questo romanzo con una carica di orrore forse mai raggiunta in tutta la storia della fantascienza-horror: un orrore tanto più sconvolgente quanto più sostanzialmente verosimile. Titolo: L’orrenda tana | Titolo originale: Lair, 1979 | Autore: … Continue reading

Recensione: “I riti dell’infinito” (The Rituals of Infinity, 1971) di Michael Moorcock

(The Rituals of Infinity, 1971) Nel subspazio, la Terra non è un pianeta unico. Esistono quindici mondi esattamente identici, anche se tutti hanno subito una mutazione. Quando appaiono le misteriose squadre D, quando si verifica una Situazione di Materia Instabile, nessuno può prevedere quello che accadrà tranne il professor Faustaff. Col suo gruppo di uomini, Faustaff viaggia tra una Terra … Continue reading

Recensione: “Prigioniero del silenzio” (No Man Friday, 1956) di Rex Gordon

Nessuno ha mai osato sostenere che “Robinson Crusoe” (o più precisamente: “La Vita e le Strane, Sorprendenti Avventure di Robinson Crusoe di York, Marinaio, che visse Ventotto Anni completamente solo in un’Isola disabitata presso la Costa dell’America e la Foce del Gran Fiume Orenoco, essendo stato gettato a Riva in un Naufragio nel quale tutti perirono salvo lui stesso”) sia … Continue reading

I Classici della SF: “La nube purpurea” (The Purple Cloud, 1901) di Matthew Phipps Shiel

Immaginate un Robinson Crusoe che abbia per scena, invece di un’isola sperduta, il mondo intero; in cui il protagonista, invece di sperimentare tutte le risorse del raziocinio, passi per tutti i deliri di una solitudine allucinante, affollata di cadaveri e di relitti; immaginate che le vicende del romanzo si svolgano dopo la fine del mondo, provocata da una catastrofe di … Continue reading

Recensione: “Trenta giorni aveva settembre – Una coppa piena di stelle” (A Glass of Stars, 1968) di Robert Franklin Young

Titolo: Trenta giorni aveva settembre & Una coppa piena di stelle | Autore: Robert F.Young | Titolo originale: A Glass of Stars, 1968 | Edizione italiana: Giugno 1977 Collana Bigalassia 36, Editrice La Tribuna | Per tutte le edizioni dell’antologia clicca QUI Trenta giorni aveva settembre: Trenta giorni aveva settembre (Thirty days had September) L’Arc de Jeanne I fuggiaschi (The … Continue reading