I Classici della SF: “Il pianeta dimenticato” (Forgotten Planet, 1954) di Murray Leinster

Articolo di Massimo LucianiCOP_urania_coll_171.cover_Gli esseri umani hanno colonizzato molti pianeti della galassia. Quando un pianeta è inabitabile ma ha un potenziale interessante comincia a essere “seminato” per rendere le condizioni adatte. Nel corso dei millenni molti pianeti sono stati resi abitabili ma in un caso la documentazione è andata perduta e il processo si è interrotto. Quando un’astronave si guasta e i sopravvissuti naufragano su quel pianeta devono sopravvivere come possono. Burl è il lontano discendente dei sopravvissuti al naufragio e come gli altri deve affrontare ogni giorno gli insetti giganti che vivono sul pianeta. Alcuni eventi risvegliano la sua ingegnosità e permettono al suo gruppo di andare oltre la sopravvivenza momentanea per migliorare le loro condizioni di vita.

Titolo: Il pianeta dimenticato | Autore: Murray Leinster | Titolo originale: The Forgotten Planet, 1954 | Per tutte le edizioni del romanzo clicca QUI

Il romanzo “Il pianeta dimenticato” (“The Forgotten Planet”) di Murray Leinster è stato pubblicato per la prima volta nel 1954 dall’unione di tre racconti pubblicati negli anni precedenti. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 88 e 354 di “Urania”, all’interno del “Millemondi 1973” e nel n. 18 de “I Classici della Fantascienza” nella traduzione di Bruna Del Bianco, da Fanucci Editore come “Insetti giganti” all’interno nel n. 1 de “I Magici Mondi di Asimov” nella traduzione di Iva Guglielmi e Gianni Pilo, dall’Editrice Nord nel n. 196 di “Cosmo Oro” nella traduzione di Ugo Malaguti e di nuovo da Mondadori nel n. 171 di “Urania Collezione” nella traduzione di Bruna Del Bianco.

“Il pianeta dimenticato” è un romanzo nato prima ancora della nascita della fantascienza moderna. La prima parte venne infatti pubblicata sotto forma di racconto sulla rivista “Argosy” nel 1920 e la seconda sulla stessa rivista nel 1921. Murray Leinster pubblicò un terzo racconto che diede un finale alla storia di Burl e del suo gruppo nel 1953 e l’anno successivo i tre racconti vennero uniti per formare un romanzo.

u354La storia inizia con un’introduzione che spiega perché su un pianeta sperduto c’è un gruppo di esseri umani che vive nella barbarie più abietta. Questi lontani discendenti di un gruppo di naufraghi sopravvivono a stento su un pianeta dove gli interventi per renderlo abitabile sono stati interrotti in seguito alla perdita di una registrazione.

Vedendo la situazione di questi esseri umani all’inizio del romanzo viene da chiedersi come riescano a sopravvivere. Essi sembrano aver perso quasi completamente le loro capacità di ragionamenti sofisticati, tanto da non usare neppure strumenti semplici. Un gruppo esiste perché nelle notti fredde i suoi componenti si scaldano stando vicini condividendo il loro calore corporeo ma non c’è alcuna organizzazione.

Perfino le scimmie hanno almeno forme semplici di rapporti sociali e alcune specie utilizzano alcuni tipi di strumenti, gli umani del pianeta dimenticato hanno a malapena un linguaggio. Forse quel gruppo è sull’orlo dell’estinzione e il senso della storia è proprio che Burl comincia a riscoprire il potenziale della propria umanità e cambia quella situazione.

In sostanza, questi umani avevano raggiunto il fondo e da lì ricominciano a salire, anche se faticosamente. È proprio quest’elemento della storia che la distingue da altre avventure scritte nell’era delle riviste pulp. Probabilmente storie di naufragi nello spazio e storie che includevano insetti giganti erano già state scritte ma ne “Il pianeta dimenticato” c’è questa riscoperta dell’intelligenza da parte di questi umani caduti (in tutti i sensi).

u88I primi due racconti rimangono però prodotti di un’era in cui i lettori non erano interessati alla filosofia ma all’avventura e al sense-of-wonder. In questo caso, si tratta di un pianeta in cui per errore è avvenuta solo la prima fase della “semina” con la conseguenza che è abitato soprattutto da insetti giganti con una varietà molto limitata anche di piante e funghi.

Dopo l’introduzione iniziale, la storia è incentrata su Burl e sulla sua riscoperta del suo potenziale intellettivo. La trama è basata molto sui suoi scontri con vari insetti giganti, soprattutto ragni, un particolare che rende il romanzo poco adatto a chi soffre di aracnofobia. La conseguenza è che il ritmo tende a essere rapido mentre i personaggi hanno uno sviluppo davvero minimale perché solo Burl ha un qualche tipo di caratterizzazione.

“Il pianeta dimenticato” è diventato un classico e nel bene ma soprattutto nel male è un prodotto di un’era perfino precedente a quella conosciuta come Età dell’Oro della fantascienza. Se siete interessati a storie di quell’era o per voi i difetti di quel tipo di storie non sono un problema secondo me vale la pena di leggerlo.

Massimo Luciani

Murray_LeinsterL’AUTORE

Murray Leinster è uno dei fondatori della sf classica americana. Nato in Virginia nel 1896 e scomparso nel 1975, ha esordito in campo fantascientifico con “Il grattacielo impazzito” (The Runaway Skyscraper), un racconto del 1919. Popolare in molti generi di narrativa, ha dato notevoli contributi alla science fiction con Bivi nel tempo (Sidewise in Time, romanzo breve del 1934), Il pianeta dimenticato (The Forgotten Planet, 1954, ricavato dalla fusione di alcuni racconti precedenti), Piattaforma spaziale (Space Platform, 1953), Un dottore fra le stelle (Doctor to the Stars, 1964), L’incubo sul fondo (Creatures of the Abyss, 1961) e altri ancora. (Biografia dal blog di Urania Mondadori)

Recensione di Massimo Luciani pubblicata originariamente sull’ottimo blog NetMassimo.com:

NetMassimo5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*