Recensione: “I.N.R.I. | Ecce Homo” (Behold the man, 1969) di Michael Moorcock

Karl Glogauer viaggia in una macchina del tempo per arrivare in Palestina nel 28 D.C. alla ricerca di Gesù. La macchina si sfascia in un arrivo alquanto violento e Karl viene soccorso da un gruppo di Esseni. Riesce quindi a trovare Giovanni il Battista, che è un loro leader, ma sembra che nessuno conosca Gesù. Karl si mette alla ricerca … Continue reading

Recensione: “Chiusi dentro” (Lock In, 2014) di John Scalzi

Chris Shane sta iniziando la sua carriera come agente dell’FBI con la difficoltà di essere una delle moltissime persone affette dalla sindrome di Haden. Incapace di controllare il suo corpo, si muove indirettamente nel mondo controllando un robot grazie a un impianto neurale. Ciò gli dà una prospettiva unica in casi che coinvolgono altre persone affette dalla stessa sindrome. Il … Continue reading

Recensione: “Lo scheletro impossibile” (Inherit the Stars, 1977) di James P. Hogan

Lo scheletro di un essere umano in una tuta spaziale viene scoperto sulla Luna. Nessun membro del personale che vi lavora è disperso e la tuta non è di nessuno dei tipi utilizzati. Un primo esame mostra anche che gli strumenti della tuta sono di tipo sconosciuto e mostrano scritte in un alfabeto ignoto. Lo scheletro, soprannominato Charlie, è apparentemente … Continue reading

Recensione: “Il rosso di Marte” (Red Mars, 1992) di Kim Stanley Robinson

Nel 2026 la spedizione Ares viene lanciata verso Marte con cento pionieri per creare un avamposto in preparazione di una futura colonizzazione. La missione è appoggiata principalmente da USA e Russia e i pionieri dovrebbero procedere con le operazioni seguendo le direttive che arrivano dalla Terra ma ancor prima di raggiungere il pianeta rosso cominciano dissensi e differenze di opinione. … Continue reading

Recensione: “Creatori di paradisi” (The Heaven Makers, 1978) di Frank Herbert

I drammi umani vengono ripresi tramite sofisticate apparecchiature che registrano non solo immagini e suoni ma anche le emozioni per il divertimento dei Chem, i quali sono immortali e di conseguenza hanno bisogno di un passatempo che li salvi dalla noia. Questi alieni sono costretti a vivere emozioni di seconda mano sfruttando i drammi degli esseri umani che sono mortali … Continue reading

Recensione: “Rivelazione” (Revelation Space, 2000) di Alastair Reynolds

Dan Sylveste è un archeologo ossessionato dal mistero degli Amarantini, una civiltà che viveva sul pianeta Resurgam scomparsa in seguito ad una misteriosa catastrofe circa 900.000 anni prima. Una nuova scoperta dimostra che gli Amarantini erano molto più avanzati di quanto Sylveste e i suoi colleghi pensassero ma la colonia di Resurgam passa attraverso divisioni e colpi di stato. Per … Continue reading

Recensione: “Quando scoppiò la pace | La guerra della pace” (The Peace War, 1984) di Vernor Vinge

Paul Naismith può sembrare uno degli aristocratici esistenti nella società quasi feudale emersa nei decenni successivi alla guerra e alle epidemie ma presto Wili Wàchendon si accorge che è molto di più. L’uomo è coinvolto nelle attività dei Riparatori, che sviluppano tecnologie clandestinamente, cercando di non essere scoperti dall’Autorità di Pace. Wili diventa l’apprendista di Naismith e comincia a imparare … Continue reading

I Classici della SF: “Solo il mimo canta al limitare del bosco | Futuro in Trance” (Mockingbird, 1980) di Walter Tevis

Un mondo futuro dove gli esseri umani vagano, drogati e cullati da stimoli di beatitudine elettronica; dove il sesso rapido e disimpegnato è la cosa più in voga; dove la gente preferisce “bruciarsi viva” a un’esistenza normale. Un mondo morente senza bambini, senza arte, senza libri. E’ questo il mondo di Robert Spofforth, la macchina più perfetta mai creata dall’ingegno … Continue reading

Recensione: “Scacco al tempo” (The Sinful Ones, 1953) di Fritz Leiber

Carr Mackay, il protagonista di “Scacco al tempo”, vive una vita molto normale finché un giorno incontra una ragazza molto agitata che gli fa strane domande. Il tutto avviene in pochissimi minuti e inizialmente non gli dà peso ma successivamente comincia a sentirsi sempre più estraniato dalla sua routine quotidiana. Ben presto Mackay incontra altre persone che si comportano in … Continue reading

Recensione: “Anonima aldilà” (Immortality, Inc, 1958) di Robert Sheckley

Nel 1958 Thomas Blaine ha 32 anni quando ha un incidente mortale. Quando si risveglia gli viene detto che è il 2110 e si è reincarnato in un nuovo corpo. Qualcosa però è andato male perché quel corpo doveva ospitare l’anima di un’altra persona. Ancora confuso, Blaine comincia a scoprire che dopo la sua morte la scienza ha fatto passi … Continue reading