Crea sito

Edicola – Urania Luglio 2016

Urania 1632: Chiusi dentro

scalzi-coverContagiati da un virus globale, milioni di esseri umanicsi trovano paralizzati all’interno del corpo senza poter più muovere un muscolo. Li chiamano in molti modi: Haden, locked-in o “chiusi dentro”, ma la sostanza non cambia. Gli immobilizzati possono interagire con il mondo esterno solo attraverso due espedienti: piccoli robot che si muovono al loro posto oppure esseri umani consenzienti che ne ospitano la personalità, prestando il corpo. Uno degli integratori, come vengono definiti questi volontari, è sospettato di aver commesso un omicidio. La legge gli dà la caccia, ma quando un integratore porta dentro di sé la volontà di un Haden le sue tracce si fanno più labili e le sue motivazioni più confuse… Per questo bisogna capire chi abbia preso la decisione di uccidere.

2464713909_e9fb26d2baJOHN SCALZI Nato nel 1969 a Fairfield, in California, è stato giornalista umoristico e redattore di “America Online”, ma dal 1998 è scrittore a tempo pieno. Ha pubblicato Uomini in rosso (Redshirts, premio Hugo 2013, “Urania” n. 1610) dopo essersi affermato con la serie di Old Man’s War, della quale fanno parte romanzi come Morire per vivere (2005) e Le brigate fantasma (2006). Scalzi, che è anche un prolifico autore di saggistica in campo scientifico, ha pubblicato Lock-In nel 2014.

———————————————————-

Urania Collezione 162: Le guide del tramonto

collezione-coverPer sei giorni le immense astronavi, silenziose e immobili, restano sospese sulle metropoli della Terra, poi arrivano gli ordini e ai terrestri non resta che obbedire. Ma per anni e anni nessuno potrà vedere gli esseri venuti con le astronavi, nessuno potrà scoprire chi siano. Per quale misteriosa ragione non vogliono essere conosciuti? Forse perché (ma nessuno lo sospetta) non vogliono essere “ri-conosciuti”? Arthur C. Clarke è uno degli scrittori di fantascienza in cui risuona più intensa la nota metafisica: il suo tema è l’avventura della razza umana fra i misteriosi fondali dell’universo, l’enigma del nostro destino nello spazio. È da lì, a pensarci bene, che viene il brivido dei brividi: Clarke ce lo dimostra con questa calata dal cielo di invisibili angeli del bene o del male.

arthur-c-clarkeARTHUR C. CLARKE Nato in Inghilterra nel 1917, è lungamente vissuto in Sri-Lanka dove è morto nel 2008. Da uno dei suoi racconti più celebri, La sentinella (1953), Stanley Kubrick ha tratto il film 2001: Odissea nello spazio,trasformato in romanzo dallo stesso Clarke nel ’68. Altri importanti romanzi: Le sabbie di Marte (The Sands of Mars, 1951, “Urania Collezione” n. 150) e La città e le stelle (1952-’56, n. 14). Nella stessa collana sono apparsi anche Polvere di luna (A Fall of Moondust, 1961, n. 143), Incontro con Rama (Rendez- vous with Rama, 1973, n. 112), Terra imperiale (Imperial Earth, 1975, n. 96) e Le fontane del Paradiso (The Fountains of Paradise, 1979, n. 123).

———————————————————-

Urania Jumbo 43: Il segreto di Rama

jumbo-coverPer i lettori che hanno apprezzato la colossale avventura cosmica di Incontro con Rama, ma anche per i neofiti, è arrivato il momento di conoscere la risposta ai dubbi e agli interrogativi suscitati da Arthur C. Clarke. La premessa è nota: un’evolutissima civiltà extraterrestre ha costruito enormi artefatti che permettono collegamenti fra le stelle per mezzo dei cosiddetti “nodi ramani”. L’incredibile varietà di una di queste strutture (conosciuta come Rama II) rappresenta una sfida per i coloni umani che si sono stabiliti al suo interno. In questo romanzo scopriremo che altre creature abitano le profondità di Rama, forse ostili all’uomo. Così, gli esploratori di New York – come è stata denominata l’isola irta di guglie all’interno della cattedrale aliena – dovranno fare i conti con il segreto degli Octoragni, esseri simili a ragni che si muovono tra i molti livelli dell’oggetto-mondo.

ACCarthurgentryARTHUR C. CLARKE Nato in Inghilterra nel 1917, è lungamente vissuto in Sri-Lanka dove è morto nel 2008. Da uno dei suoi racconti più celebri, La sentinella (1953), Stanley Kubrick ha tratto il film 2001: Odissea nello spazio,trasformato in romanzo dallo stesso Clarke nel ’68. Altri importanti romanzi: Le sabbie di Marte (The Sands of Mars, 1951, “Urania Collezione” n. 150) e La città e le stelle (1952-’56, n. 14). Nella stessa collana sono apparsi anche Polvere di luna (A Fall of Moondust, 1961, n. 143), Incontro con Rama (Rendez- vous with Rama, 1973, n. 112), Terra imperiale (Imperial Earth, 1975, n. 96) e Le fontane del Paradiso (The Fountains of Paradise, 1979, n. 123).

GENTRY LEE Inglese, nato nel 1942, ha collaborato con Clarke ai romanzi Culla (1988), Rama II (1989) e Il giardino di Rama (1991).

———————————————————-

Urania Millemondi 75: Tutti i mondi possibili (Prima parte)

Millemondi-coverUn’antologia importante come questa non è, in fondo, che una mappa stellare. O temporale. Insomma uranica, cioè un catalogo dei mondi possibili. Come promette il titolo di un racconto di Carrie Vaughn che troverete all’interno, faremo del nostro meglio per aggiornarvi sulle ultime tendenze dell’arte di fare fantascienza. Molti sanno che lo Year’s Best Science Fiction a cura di Gardner Dozois è la più vasta collezione della miglior sf pubblicata in America. Questa edizione – la trentunesima, uscita nel 2014 – conta settecento pagine in inglese, e si è reso necessario tradurla in tre Millemondi che usciranno da qui al 2017. GARDNER DOZOISUna vastissima carrellata su pianeti sorprendenti, scoperte hi-tech e dimensioni ai confini del reale. Inoltre, una sintesi informativa sull’andamento del genere e tutte le letture raccomandate. Da non perdere!

GARDNER DOZOIS È nato nel 1947 ed è uno dei più famosi editor americani. Ha diretto per anni la “Isaac Asimov Science Fiction Magazine”, facendole vincere più premi Hugo di qualunque altra testata. The Year’s Best Science Fiction è un appuntamento con i lettori che si rinnova da più di trent’anni.

———————————————————-

Urania Horror 11: Video Kill

Fluke-coverLa troupe del nuovo film horror sull’assassino della videocamera (erede dell’Occhio che uccide di Michael Powell) non immagina certo le conseguenze che il progetto avrà in futuro. La sceneggiatura è pronta, il protagonista è un killer disumano che filma le sue vittime mentre le elimina, ma le cose non vanno per il verso giusto e il film non verrà realizzato. Qualche anno dopo, tuttavia, qualcuno si assume il compito di “girarlo” nella realtà e un assassino spietato comincia a uccidere usando la stessa tecnica. Un video dopo l’altro, l’esecutore registra fedelmente il sangue e il terrore delle vittime: la scena si tinge di rosso, profondo rosso, mentre l’incubo comincia, proprio perché questo non è un film…

9207JOANNE FLUKE Nata in Minnesota, dopo aver scritto narrativa di quasi tutti i generi è approdata all’horror con Video Kill (1989). In seguito si è specializzata in thriller di tutt’altro genere e nell’arte della pasticceria. Hannah Swensen, protagonista della sua serie più recente, torna in romanzi come Chocolate Chip Cookie Murder (2000), Strawberry Shortcake Murder (2001), Peach Cobbler Murder (2005), Plum Pudding Murder (2009) e Apple Turnover Murder (2010).