Edicola – Urania Gennaio 2018

Urania Collezione 180 – La doppia faccia degli UFO

img_0118-1Un romanzo che non è solo un romanzo, ma un serio tentativo di strappare agli UFO la loro maschera millenaria. L’incontro di un ragazzo in bicicletta con un “disco” e tre “ufonauti”, dà l’avvio a un’indagine i cui risultati si contraddicono ogni volta nel modo più assoluto. Da una parte, non c’è dubbio, gli UFO sono reali, ed esistono da sempre. E d’altra parte, neanche su questo c’è dubbio, gli UFO sono “rappresentazioni che nascono dal puro Vuoto e nel puro Vuoto si risolvono”. Ma forse le due facce, i due opposti aspetti del fenomeno non sono così inconciliabili come sembrano.

IAN WATSON Nato nel 1943, è uno dei migliori esponenti della science fiction britannica. Ian Watson è diventato famoso per aver scritto la sceneggiatura del film di Steven Spielberg e Stanley Kubrick A.I. Intelligenza artificiale, ha pubblicato su “Urania” numerosi romanzi, fra i quali L’ultima domanda (n. 1319), Superuomo legittimo (n. 1399), Il mistero dei Kyber, in collaborazione con Michael Bishop (n. 1431), e L’anno dei dominatori (n. 1496). L’anno scorso abbiamo tradotto Gli dei invisibili di Marte (n. 1581).

———————————————————-

Urania Collana 1650 – Paradiso remoto

img_0119Questo romanzo affronta un tema delicato: la colonizzazione, da parte degli esseri umani, di pianeti abitati da creature ritenute inferiori. È quello che succede quando viene scoperto il pianeta Peponi, fertile e ricco di risorse naturali, che a causa dello sfruttamento ingordo e votato solo al profitto delle corporazioni umane, presto si riduce a una landa desertificata. Altre creature deportate da pianeti lontani innescano faide tribali per la sopravvivenza con la civiltà autoctona, che sembra destinata all’estinzione. I pochi esseri umani che si rendono conto del disastro che si sta compiendo hanno poco tempo per intervenire, prima che sia troppo tardi.

MIKE RESNICK Nato a Chicago nel 1942, cinque volte vincitore del premio Hugo e una del Nebula, ha curato la rivista “Galaxy’s Edge”. Di Resnick “Urania” ha pubblicato romanzi come Il killer delle stelle e il ciclo di Wilson Cole: Gli ammutinati dell’astronave (n. 1579), I pirati e l’astronave (n. 1591), Astronave mercenaria (n. 1614) e I ribelli e l’astronave (n. 1620). Questo Paradise: A Chronicle of a Distant World, insieme a Purgatorio: storia di un mondo lontano e Inferno (che stanno per tornare nella nostra collana), appartiene alla “Galactic Comedy”, una trilogia su come, durante l’espansione nello spazio, la razza umana non riesca a evitare di ripetere gli errori del più becero colonialismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*